L’Agenda Aliena: Miti, basi sotterranee e presenza extraterrestre

La quieta cittadina di Dulce, situata nel profondo centro-nord del New Mexico, si trova sull’Archuleta Mesa del Colorado, al confine del New Mexico. E’ sede di circa 3000 abitanti ed è la capitale della ‘Jicarilla Apache Nazion’.

Per quanto piccola e insignificante, questa località remota, è diventata il centro di molte polemiche nei primi anni 80. Il Fisico e inventore, Paul Bennewitz, sostiene di aver scoperto una base sotterranea occupata da extraterrestri vicino Dulce. La sua storia si diffuse rapidamente attraverso la comunità UFOlogica.

Le accuse che circondano la base, includono rapimenti umani (“rapimenti alieni”) da parte di questi esseri extraterrestri. Egli ha anche affermato che gli extraterrestri sono stati impegnati nello sviluppo di tecnologie avanzate tra cui la manipolazione genetica. Il loro piano, secondo i teorici della cospirazione, è quello di controllare il governo e ottenere il controllo finale della Terra per mezzo di un Nuovo Ordine Mondiale.

Sono emerse varie voci riguardanti l’alleanza perversa tra gli esseri umani e gli abitanti della base di Dulce che includono legami a governi ombra attraverso società segrete come gli Illuminati, la massoneria, il Gruppo Bilderberg e la Skull and Bones.

Dulce non è l’unico posto al mondo dove si ritiene esistano basi sotterranee, ma è quello che ha ricevuto la maggiore notorietà negli ultimi tempi. Secondo i teorici della cospirazione esistono basi sotterranee in tutto il mondo con importanti avamposti attivi in ​​tutti gli Stati Uniti, in Australia, in Antartide e in Sud America.

Queste basi sono collegate tra loro tramite una serie di canali che collegano una base all’altra. Ci sono anche affermazioni che uno di questi tunnel conduce ad una base attiva sotto il Vaticano, che è stato il centro di controllo sulla civiltà occidentale per secoli.


Possibile che tutto questo sia vero? Ci rivolgiamo alla mitologia nella ricerca di risposte.

Prima di andare avanti è importante sottolineare che la mitologia, come molte delle affermazioni provenienti dalla comunità UFOlogica, è considerata più come fantascienza che come realtà. I Mitologi tradizionali sostengono che gli dei, che nel mito rappresentano le forze della natura o la creazione di qualcuno, sono vivida immaginazione. Detto questo, la mitologia non supporta queste affermazioni apparentemente stravaganti?

Storie di regni sotterranei occupati da “gli dei” pervadono la mitologia. A seconda della cultura è stato chiamato Ade, Tartaro, Xibalba, Duat, Patala e l’Inferno.

Queste “case degli dei”, non sempre sono situate nelle profondità della terra, ma a volte sono descritte come all’interno di una montagna o in profondità sotto le acque della terra. L’accesso al proprio dominio, indipendentemente dalla località, è spesso descritto come situato attraverso la bocca di una caverna. L’ingresso può apparire aperto una sola volta e poi sparire dalla vista, completamente e istantaneamente.

Gli abitanti di questi regni sotterranei non hanno il desiderio di essere visitati da esseri indesiderati, ma all’accesso c’è una selezione degli individui.

Secondo i testi antichi, l’ingresso nel mondo sotterraneo è stato tutt’altro che facile. La Maya Popol Vuh, per esempio, descrive il percorso fatto dai fratelli eroi Hunhun-Ahpu e Vukub-Hunapu. Si racconta di una ripida discesa nella casa dei Signori di Xibalba e alle molteplici sfide che hanno dovuto affrontare.

Allo stesso modo, i testi come il Libro dei Morti egiziano, descrivono il percorso attraverso il quale, il defunto dio-re deve percorrere per entrare a Duat. Come il Popol Vuh, il percorso è irto di sfide che l’individuo deve affrontare per entrare nel regno dei morti, il mondo sotterraneo.

Il Vishnu Purana afferma che il livello più profondo degli inferi, Patala, si trova a 70.000 yojana sotto la superficie della terra.

Gilgamesh, nel poema epico che porta il suo nome, è descritto come viaggiatore nel buio fitto fino al suo arrivo alla camera di luce.

I domini sotterranei degli dei sono descritti come pieni di case o di vaste sale dove migliaia di individui si potrebbero riunire. Fontane, piante, erba alta, alberi e animali di ogni tipo riempiono questa terra.

L’asceta divina, Narada, descritto nel Vishnu Purana afferma di aver visitato Patala“Patala era molto più affascinante di quanto fosse il cielo.” Ha esclamato. “Che cosa può essere confrontato con Patala dove Naga (il serpente) è decorato con gemme belle e brillanti? Questa regione è impreziosita dalle figlie di Daitya e Danava”.

Descrizioni simili delle case sotterranee/subacque degli dei sono sparse attraverso la mitologia. La casa del dio sumero della fertilità Enki, che si trova nelle acque dell’abisso, è descritto come avente la sua casa costruita in oro, argento e lapislazzuli.

Anche gli scrittori, come il filosofo greco Platone, fanno eco a questo concetto. Egli credeva che la terra era piena di una serie di cavità che erano a loro volta piene di acqua, aria, alberi, frutti e fiori.

Sorprendentemente, Platone conferma l’ennesima affermazione fatta dall’ufologia moderna. Platone prosegue affermando che queste cavità erano collegate tra loro da condotti sotterranei.

Platone non è l’unico che si riferisce ai tunnel che si trovano sotto la superficie della Terra. Leggende Inca raccontano di vaste reti di gallerie che attraversano in lungo e in largo il pianeta, con città sotterranee.

Quando i conquistadores spagnoli di Pizarro entrarono in Perù, rapirono l’imperatore Inca Atahualpha e lo tennero per il riscatto. Chiesero così tanto oro da riempire una stanza in cambio della liberazione di Atahualpha. Gli uomini di Pizarroavevano sentito che l’oro Inca era detenuto in una vasta rete di tunnel sotterranei. I tunnel sono stati creati migliaia di anni fa e correvano per chilometri sotto la capitale Inca.

In anni più recenti, avventurieri si sono spinti nelle caverne sotto Cusco, ma non fecero mai più ritorno. Un uomo in realtà è riuscito a tornare salvo e ha portato con sé due lingotti d’oro. Secondo le autorità si tratta di un malato di mente. Gli ingressi alle gallerie vennero poi murati per motivi di sicurezza – almeno questa è la versione ufficiale.

Gli indiani Apache riferiscono che i loro antenati si sono rifugiati nelle gallerie antiche nel corso di un disastro catastrofico sulla terra. Hanno vagato in immensi corridoi per anni trasportando i semi per la vita nel nuovo mondo.

Ma per quanto riguarda l’altra affermazione fatta dagli UFOlogi secondo cui queste basi sono usate per l’ingegneria genetica? Secondo le loro affermazioni è nel livello più basso, il 7° livello della base di Dulce, dove gli extraterrestri sono impegnati in questo tipo di sperimentazione.

Anche in questo caso, la mitologia supporta questa premessa. Tribù di nativi americani di tutto il paese sono i più accesi quando si tratta di questo argomento. I Jicarilla Apache (la cui sede è a Dulce), gli indiani Navaho e Hopi, hanno tradizioni di lunga data della creazione dell’uomo e di emersione da sotto la superficie della terra.

Gli Algonchini raccontano: “Così fece il basso mondo sotterraneo che diventò troppo pieno di cose viventi, pieno di creature incompiute, che come rettili strisciavano l’un sopra l’altro nel buio profondo”.

In questa materia non sono isolati. Beroso, sacerdote babilonese, racconta delle creature orribili che abitano questo regno sotterraneo. Ha descritto gli uomini che avevano un solo corpo ma due teste, alcune con le gambe e le corna di una capra e anche alcuni con i quarti posteriori di un cavallo e il corpo di un uomo. “In breve, ci sono creature a cui sono stati combinati gli arti di ogni specie di animali”.


Questi esperimenti genetici sono, secondo quanto riferito dai sostenitori di UFO, condotti da un gruppo di esseri rettiliani ai livelli più bassi della base.

Thomas Costello, un ex alto funzionario della sicurezza alla base, ha testimoniato che la base di Dulce è una struttura sotterranea con sette livelli di profondità e con i livelli più bassi descritti come una serie di caverne naturali. Costello credeva che queste caverne sono state utilizzate da diverse razze extraterrestri nel nostro passato remoto.

Nella cosmologia indù, i Naga (serpenti), un tempo vivevano sulla terra, ma il grande dio Brahma li mandò a vivere sotto il mare, nel settimo livello del loro regno sotterraneo chiamatoPatala. Nella discesa del sumero Inana negli inferi, è tenuto a passare attraverso sette porte per raggiungere finalmente le viscere degli inferi. La leggenda azteca dice che Quetzalcoatl, il serpente piumato, è andato a Mictlan (Inferi Azteco), e ha creato l’uomo con il proprio sangue e le ossa della razza precedente.

In tutta la mitologia l’atto di creare l’umanità è sempre associato a uno specifico gruppo di dei, gli dei della fertilità. Le divinità della fertilità di tutto il mondo sono tradizionalmente rappresentati come rettili o anfibi in natura e appaiono in arte come un mix tra un uomo e un pesce o di un uomo e di un serpente.

Un certo numero di individui sostengono che il programma dei Rettiliani è quello di controllarci, con l’obiettivo di dominare il pianeta. Citano lo sviluppo di un Nuovo Ordine Mondiale. I fautori di questa teoria ritengono che i Rettiliani, o il sottoprodotto dei loro esperimenti di manipolazione genetica, hanno intenzione di prendere il controllo della superficie terrestre.

Questa acquisizione è orchestrata da un gruppo estremamente potente e influente che comprende molte delle persone più ricche del mondo. Alcuni membri sostengono che questi gruppi d’elite siano, in realtà, geneticamente correlati tra loro. Il loro obiettivo è di avere ogni uomo, donna e bambino sulla terra obbediente alla loro agenda segreta.

I Rettiliani sono anche accusati di voler ridurre la popolazione sulla terra e stanno impiegando armi come scie chimiche, OGM, vaccinazioni e virus artificiali per ridurre i nostri numeri. Si sostiene che è più facile controllare 500.000 o un milione di persone rispetto ai 7 miliardi che attualmente vivono sulla terra.

Uno sguardo alla mitologia relativa a questa affermazione ha alcuni pilastri di sostegno. L’idea di abbattimento della popolazione umana sulla Terra non è un concetto moderno. Nell’epica sumerica di Atrahasis troviamo una storia in cui gli dei fanno proprio questo. Milleduecento anni dopo la creazione del genere umano il numero di persone che abitavano la Terra è cresciuto. Il loro “rumore” aveva disturbato il sonno del dioEnlil.

Enlil ha deciso di inviare una piaga, al fine di ridurre la popolazione. Questo ha funzionato per un po’, ma passati altri 1200 anni la ​​popolazione era cresciuta ancora ed Enlil venne ancora una volta infastidito dal rumore. Questa volta, al fine di diminuire il loro numero, venne mandato il dio del tuono e della pioggia Adad a trattenere le piogge e il mondo soffrì di una grande siccità e un gran numero di persone morirono.

La popolazione continuò a crescere, e altri 1200 anni passarono. Il rumore è diventato troppo per Enlil da sopportare. Volendo alleviare il suo problema dice agli dei di trattenere tutti i doni della natura. La cosa andò avanti per sei anni e, come i testi descrivono, la gente della Terra si ridusse al cannibalismo per sopravvivere.

Il dio della fertilità, Enki, cercò di salvare il popolo dalla fame. Questo fece arrabbiare Enlil ancora di più. Infine Enlil, in un atto di vendetta, decise di distruggere l’umanità una volta per tutte. Aveva in mente di fare questo inondando il mondo. Enki, ancora una volta ha salvato l’umanità dalla distruzione totale. Ha avvertito Atrahasis del diluvio imminente e gli disse di costruire una barca per salvare se stesso e la sua famiglia (non vi ricorda la storia di Noè e la costruzione della sua arca? Ma questa è un altra storia).

Torrenti di teorie si sono fatti avanti, mentre cerchiamo la verità riguardo il nostro posto nell’universo. La Mitologia non si presta a sostenere un certo numero di queste affermazioni? E’ difficile determinare se i creatori di queste teorie basano le loro congetture usando il mito come loro fondamento, esperienze di prima mano, o, qualcosa d’altro.

Quello che sembra evidente è che gran parte delle informazioni sulla ricerca degli UFO stanno portando alla luce i miti e le leggende dell’antichità. Portano queste idee all’attenzione di tutti; se le storie portate alla luce nella comunità UFO si basano su fonti mitologiche, le storie del nostro lontano passato possono avere un fondamento nella realtà?

Ciò implica che gli dei vivevano come esseri che respiravano e che camminavano sulla terra nel nostro passato remoto, crearono l’uomo e hanno svolto un ruolo essenziale nello sviluppo della vita e della cultura del pianeta.

 

http://luniversovibra.altervista.org/

L’Agenda Aliena: Miti, basi sotterranee e presenza extraterrestreultima modifica: 2014-02-10T12:17:24+00:00da subbuteo63
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento