Monique Mathieu: Messaggio di un Atlantideo

Messaggio di un Atlantideo

«Provengo dal vostro passato ma esisto anche nel vostro presente e nel vostro futuro, sono in qualche modo eterno, per voi tutti almeno. Provengo da quella che per voi è stata Atlantide. Potete essere certi che è veramente esistita!

Vengo a mettervi in guardia. Siete venuti a reincarnarvi per cercare di non commettere lo stesso errore, ma gli errori si perpetuano perché non avete ancora saggezza. (Parlo dell’umanità in generale).

Ho vissuto in una di queste isole meravigliose che formavano il continente Atlantide. Quando vivevo questo era il paradiso, o perlomeno ciò che potrebbe essere il paradiso per voi. Gli esseri della mia epoca dedicavano gran parte della loro vita a creare la bellezza e a vivere il più possibile nell’armonia. Le relazioni tra gli esseri erano sincere, pure e oneste.

Abbiamo vissuto per moltissimo tempo in questo spirito di comunità, di solidarietà, di fratellanza. Poi abbiamo accettato sulle nostre magnifiche isole degli esseri che non avevano lo stesso nostro modo di concepire la vita. Non avevamo sospetti e siamo stati travolti da una forza distruttiva che non potevamo comprendere, che non potevamo analizzare e non siamo riusciti a proteggerci.

Voi rivivrete, certamente in un’altra maniera, alcuni avvenimenti che abbiamo vissuto noi. Tuttavia nulla si ripresenta totalmente allo stesso modo perché le anime si evolvono durante le incarnazioni ed anche per le loro molteplici incarnazioni.

Come sapete, molti dei vostri fratelli Atlantidei sono attualmente incarnati su questo mondo, essenzialmente in Occidente, negli Stati uniti e in Europa. Coloro che si sono incarnati negli Stati Uniti sono coloro che dovevano imparare dai loro fallimenti, coloro che dovevano correggere tutto il male che avevano creato a coloro che rispettavano totalmente le leggi Divine.

Coloro che sono venuti a distruggerci erano totalmente animati da un feroce desiderio di potere, di dominio, di forza. Sapevamo che sarebbe arrivato il momento in cui non avremmo potuto difenderci o combattere, sia fisicamente che spiritualmente, perché non avevamo le stesse armi. Quindi la nostra civiltà e il nostro mondo sono stati annientati.

Io che vi parlo non ho vissuto l’annientamento, l’ho vissuto in un altro modo perché facevo parte di coloro che erano andati a salvare gli esseri che erano rimasti collegati al Divino, coloro che non erano persi nella tempesta, coloro che avevano mantenuto la connessione spirituale. Eravamo molto numerosi ad evacuare questi esseri che erano nostri vicini ma anche degli esseri su altre parti della vostra Terra che è stata fortemente influenzata dagli sconvolgimenti.

Se oggi vi racconto tutto questo è per dirvi che non c’è nulla di insignificante sia nei vostri comportamenti, nelle vostre parole, sia il modo in cui utilizzate le risorse di vostra madre Terra. Quando non esiste più il rispetto, quando non vi è più questa consapevolezza che deve unire ogni vita, quando non esiste più l’Amore manifestato, quando non esiste più fratellanza, tutto cambia obbligatoriamente in un modo o nell’altro.

La storia del diluvio è rimasto nella vostra memoria. Non proviene da Atlantide, è un po’ più antica. Molte civiltà sono state distrutte unicamente perché gli uomini non avevano rispettato le Leggi Divine, perché gli uomini non erano coscienti di ciò che erano, e non erano consapevoli che la Sorgente si manifestava continuamente tutto intorno a loro. Non erano consapevoli che il vascello, questo meraviglioso pianeta, era ed è ancora un essere vivente.

Voi siete esattamente nello stesso punto di tutte queste civiltà che hanno vissuto su questo mondo e che non hanno capito, attraverso i loro comportamenti, che non rendevano costantemente grazie alla Sorgente, e che erano collegati non solo al loro pianeta ma a tutto ciò che vive.

Non sono qui per parlarvi di catastrofi, sono qui semplicemente per dirvi che ciò che è stato sarà! Finché gli uomini non comprenderanno, il processo dopo un certo periodo di tempo si ripresenta.

Coloro che sono stati salvati e aiutati da tutti, dalle civiltà, perché avevano compreso, perché avevano aiutato, perché avevano annunciato i cambiamenti, hanno per missione, come me oggi, di aiutare il più possibile affinché questa avventura nefasta non si ripresenti più.

Questa avventura nefasta per la madre Terra non si ripresenterà mai più quando questo ciclo sarà terminato! Vostra madre Terra diventerà la più bella scuola di tutto il vostro sistema solare, di tutte le vostre galassie e ben oltre!

Immaginate la vostra Terra diventata un luogo di riposo privilegiato, di guarigione, un luogo dove gli esseri che arrivano da diverse galassie, da molti altri mondi, da diversi sistemi solari verranno a ritemprarsi, a rigenerarsi all’Amore puro, alla bellezza. Tutto sarà ricreato in grande bellezza. Su questo mondo cresceranno splendidi alberi, su questo mondo fioriranno piante magnifiche e fiori dei quali non avete nemmeno idea.

Su questo mondo verranno degli animali di immensa dolcezza, di immensa bellezza, su questo mondo vivranno degli esseri umani collegati permanentemente al sacro, al Divino, degli esseri umani che accoglieranno la vita proveniente da ogni parte con immenso Amore, immenso rispetto, immensa gioia.

Se lo vorrete, potrete essere coloro che accoglieranno la vita in questo modo, avrete questa scelta perché siete stati formati in una scuola difficile. Anche molti di noi torneranno a vivere questa rinascita perché abbiamo amato molto questo pianeta così adorabile e così bello.

Ricordatevi chi siete, ricordatevi di ciò che siete stati!»

Potete riprodurre questo testo e darne copie secondo le seguenti condizioni :

  • che non sia tagliato,
  • che non subisca nessuna modifica di contenuto,
  • che fate riferimento al nostro sito  http://ducielalaterre.org
  • che menzionate il nome di Monique Mathieu.
Monique Mathieu: Messaggio di un Atlantideoultima modifica: 2015-07-29T20:40:35+00:00da subbuteo63
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Monique Mathieu: Messaggio di un Atlantideo

  1. Pingback:

  2. Buongiorno agli Atlandidei, miei pari. Qui Thula, comandante della federazione galattica atlantidea. L’ipnosi regressiva ha confermato i ricordi e le visioni delle mie tante vite. Quella è una delle più antiche ma posso andare ancora indietro nel tempo. L’ordine che mi è stato impartito sempre, da piccola è proprio questo: “Ricorda, devi ricordare! Mi hanno fatto leggere codici e scritture che non volevo leggere, mi hanno fatto vedere chi ero e dove ero. Confermo il testo sopra redatto anche se vi sono degli errori. Atlantide era molto di piu’. Era splendente. L’ho sorvolata col mio kosher molte volte, velocissimamente, finchè non fu in pericolo. Una lotta estenuante per salvare il salvabile. Ora siamo qui per ricordare e migliorare ma gli umani non hanno ne’ potranno raggiungere le capacità tecnologiche di Atlantide nè la sua morale.

Lascia un commento