Il passaggio

Quale passaggio?
Del terzo millennio – Dalla terza alla quarta e quinta dimensione?
Dall’Era dei Pesci all’Era dell’Acquario?
SI!
Faremo tutti questi passaggi se abbiamo preparato il passaggio nel cuore. E’ un salto di qualità nella scala evolutiva di tutta l’umanità. Siamo guidati da tutta la Gerarchia, in quanto questa volta, il passaggio è collettivo. Se non rispondiamo all’appello, il libero arbitrio ci farà rimanere nella trappola dell’astrale, saremo sassi nella densità della materia.

Passaggio significa rinnovamento – cambiamento. I segni ci sono tutti. Fine del secondo e inizio del terzo Millennio. Stiamo lasciando la terza dimensione lineare per la quinta dimensione a spirale, più veloce. La fine dell’Era dei Pesci, la casa delle prove, guerre, malattie, per entrare nell’Era dell’Acquario, segno d’Aria, dove lo spirito rigenera la materia.
Sarà il passaggio dall’umano al divino, si tratta semplicemente di un salto di qualità, un livello di coscienza superiore. Abbiamo iniziato questa esplorazione interiore lavorando sulla personalità e i tre veicoli, fisico, mentale ed astrale. Il risveglio della coscienza animica con l’io che si riconosce nel Sé nel cuore, l’altare della trasmutazione. A livello energetico abbiamo lavorato sui tre chakra della base terra, acqua, fuoco, energie utilizzate dall’uomo che vive una vita solo materiale, nel conflitto della dualità. Nel IV chakra del cuore, l’io si riconosce nel Sé e armonizza i tre elementi nel quarto, l’aria, dando il soffio di vita divina. Si continua il processo spiritualizzando la materia in natura divina. Il cuore centrale dell’energia unirà le forze dei primi tre chakra con vibrazioni più dense, con il 5°, 6°, 7° chakra di energia più sottile che portano alla conoscenza dello spirito. La porta e’ il quinto chakra della gola, avvera il passaggio dello spirito nella materia. E’ l’energia di questo momento di caos. Malattie della gola, delle corde vocali, della tiroide. Il chakra della gola incontra molte resistenze e l’energia si brucia attraverso le malattie. Chi segue la via del discepolato e dell’iniziazione è cosciente di questo.

Il Maestro Saint Germain ha detto:
Per arrivare a Dio le vie sono due:
La via dell’intelletto con le prove materiali per la purificazione – perdita, dolore, sofferenza e malattia.
La via del cuore che intraprende il discepolo in prova.
La via dell’iniziazione insegnata da Gesù, Figlio incarnato inviato dal Padre, prepara l’Ascensione che dovremo fare presto se vogliamo vivere nella quinta dimensione come cittadini dell’Era dello Spirito. L’acquario lascia fluire l’acqua di vita, sorgente di giovinezza spirituale. L’armonia dei quattro elementi nel chakra del cuore prepara l’anima a creare il passaggio verso la dimensione superiore. Nel lavoro interiore la gola è il luogo del grande passaggio. Ci sono tre passaggi:
La porta degli uomini legata alla personalità con i tre veicoli, fisico, mentale e astrale. L’ energia vitale della natura umana pulsa nei tre chakra della base.
La porta del fuoco, il passaggio nel diaframma per liberare il plesso solare da cristallizzazioni energetiche di vite passate come l’odio, l’ira, la collera, tutte emozioni di fuoco legate all’ego e alla personalità.
La porta degli Dei; e’ il passaggio in cui vi trovate ora; è molto stretto e difficile fino ad un certo livello, ma più facile perché avete raggiunto una maggiore coscienza. Riconoscete Dio in voi, si manifesta attraverso la vostra carne, non pensatelo più fuori di voi. La parola di Dio e’ la porta dell’espressione creatrice, la porta del soffio. Con la gola, nell’ispirazione, richiamate la creazione in voi per conoscerla nella sua totalità. Questo passaggio stretto e’ legato all’aria che viene dai polmoni e nutre la ghiandola pineale. La gola e’ un luogo sacro, riceve le energie cosmiche; e’ il centro dell’espressione e della creatività. Prepara il passaggio da procreatore a co-creatore. L’energia densa del 2° chakra si trasferirà a livello più sottile nel 5° chakra. Un buon metodo per liberare la gola e’ di stare attenti alle vostre parole, sono creatrici della vostra realtà nel bene e nel male. Se porrete attenzione alle vostre parole e a non pronunciare parole inutili, il lavoro si farà più rapidamente e il passaggio sarà più facile. Avete osservato una donna che partorisce? La cosa più importante e’ il suo respiro. E’ solo respirando che potrà far nascere la sua creatura. La stessa cosa succederà per voi: dovrete prima morire per rinascere a nuova vita. La nascita dello Spirito, il bimbo dentro di noi, la materia umana si trasforma in materia divina, l’oro dello lo Spirito.
E’ stato necessario creare il cuore simbolico per aprire il passaggio. Il simbolo e’ una vibrazione di potere che appartiene allo Spirito, il simbolo raggiunge il cuore. Quando il Cristo Gesù era sul piano terrestre, pensò di seminare nel cuore perché non doveva nutrire e dare forza alla mente. Creò le favole, il linguaggio simbolico, affinché ciascuno potesse assimilare il seme secondo la propria apertura, il grado di coscienza ed il proprio ritmo. I nostri libri, potranno lasciare qualcuno nello scetticismo e nell’indifferenza, ma chi cercherà di capire ed interpretare gli insegnamenti per creare il passaggio nel cuore, aprirà la Grande Porta. Non leggeteli con la vibrazione del mentale ma con la vibrazione del cuore. Porto avanti il compito che mi e’ stato assegnato. Lo scopo dei libri è la divulgazione degli insegnamenti attraverso i simboli per attivare la cellula madre e altri simboli per la guarigione e crescita spirituale. Il simbolo accelera il processo di evoluzione per permettere a tutti di passare nella quinta dimensione, in quanto il tempo rimasto è ben poco. I tre giorni di buio corrispondono alla discesa nell’inferno di Osiride, ai tre giorni della luna nera, come pure il Cristo Gesù muore e risorge dopo tre giorni, tre numero magico della creazione. E’ la morte definitiva della densità della materia, la sua rigenerazione. I tre giorni rappresentano il mondo intermedio tra Cielo e Terra, il mondo invisibile della grande trasformazione, uno stato di trasmutazione. Salvare la materia era lo scopo essenziale dell’alchimista. E’ salvando la materia che l’uomo di coscienza si salverà. La Dea Ishtar viene spogliata delle sette vesti,come i sette chakra, centri di vita, prima di morire e rinascere rigenerata. Noi dobbiamo purificare i sette primi chakra per uscire dal caos dell’astrale e attivare il corpo di luce nell’ ottavo chakra per spiritualizzare la materia. L’essere si immerge nella luce solare, la luce della grande conoscenza cosmica che porta all’ascensione. Nei tarocchi 14 e’ l’arcano della trasmutazione dell’acqua, in acqua di vita. E’ il numero dell’incarnazione dello Spirito nella materia, le 14 stazioni della Via Crucis, la metà del ciclo lunare e il doppio del 7 numero sacro. Il 14 rappresenta la figura del Cristo immolato il 14° giorno della luna, Osiris fu tagliato in 14 pezzi. Tutti e due conosceranno l’apoteosi della resurrezione. Tremila anni separano questi due redentori, ma il mito è eterno e il simbolo è universale. Il sacrificio e l’uscita dal labirinto seguiti da una riunificazione della materia. L’alchimista sa che l’unità nell’uomo si raggiunge trasmutando la materia. Gli stati successivi della materia (terra, acqua, aria e fuoco) corrispondono a salti di creatività che permettono l’espansione della coscienza, il risveglio, l’apertura allo Spirito. La materia si svuota, si fa matrice per ricevere il suo contenuto, lo Spirito creatore universale. La porta del cuore, la porta della gola sono passaggi che permettono di aprire altre porte per arrivare alla Grande Porta Luminosa dei piani superiori. Salite sul Carro Bianco guidato dal delfino bianco, il Maestro dei Maestri della Gerarchia lavora strettamente con la forma e porta la vibrazione di Michael. Sarete guidati per aprire tutti i canali della coscienza superiore. Si può essere canali con la parola del cuore attraverso il silenzio, un gesto, uno sguardo o la sola coscienza; tutto e’ apertura. Siete creatori della vostra realtà, prendete la chiave, aprite la porta. Il passaggio si crea con il vostro pensiero e la vibrazione del vostro amore. L’essere umano ha creato la sua personalità. Dopo il passaggio di Gesù, avete edificato la vostra individualità costruendo un colonna vertebrale per arrivare sulla soglia delle sette grandi porte. Era necessaria una colonna molto solida, un’individualità capace di superare la trappola dell’astrale. Il passaggio nell’Unità, anima cosciente, unica e irrepetibile.

 

fonte http://www.animazen.it

Il passaggioultima modifica: 2014-09-29T16:16:00+00:00da subbuteo63
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento