Tutti noi soffriamo di “affiancamento” da Entità

Tutti noi soffriamo di “affiancamento” da Entità

“La VERITÀ è che noi siamo COSTANTEMENTE in compagnia degli SPIRITI”
– Emanuel Swedenborg –
Quello che sto per dirvi, cari Lettori, sembra inverosimile a chi non si è mai affacciato a scrutare lo scenario che sta oltre il velo del mondo visibile nel quale siamo immersi.
Gli eventi drammatici degli ultimi tempi hanno spinto molte persone a rivolgere lo sguardo verso contesti vitali più profondi e nascosti, effetto sicuramente prodotto da esigenze intime, motivato da dolori e sofferenze che le hanno indotte a ripiegarsi su sé stesse… e ad iniziare la ricerca.
È indubbio ormai che una considerevole parte di umanità sia venuta a sapere della esistenza di vari livelli dimensionali in cui, sebbene con modalità diverse, si dipana la vita.
Proprio perché ci troviamo ancora a dover agire in questa nostra densità energetica a bassa frequenza, ed essendo ancora le nostre percezioni molto limitate, siamo circondati e a volte compenetrati da influenze e pensieri indesiderabili emessi da quanti ancora vibrano negli strati più gravosi della materia. (Cfr. QUI)
Infatti sono innumerevoli le anime che, non essendosi emancipate dalle attrattive umane e non disponendo più di un corpo fisico, vagano alla ricerca spasmodica di soddisfazioni e godimenti che pensano di ottenere affiancando chi vibra sulla loro stessa lunghezza d’onda.
Per legge di attrazione queste entità si sintonizzano con tutti coloro che formulano pensieri analoghi e che sono succubi delle stesse passioni o tendenze.
È facile quindi comprendere come questo sia un serio pericolo per ognuno di noi… a meno che, prendendo coscienza di tale realtà, non cominciamo a riflettere sui nostri comportamenti cercando di migliorarci, eliminando le “scorie” pesanti che attirano tali presenze e che contribuiscono a rallentare la singola evoluzione.
Ogni espressione dell’uomo, sia positiva che negativa, attira nella sua orbita le energie che la contraddistinguono arrecandogli rispettivamente più gioia e tranquillità o maggiore tormento ed inquietudine a seconda di ciò che produce.
Perciò, quanto necessita restare vigili sul nostro modo di agire! Nessuno si illuda di esserne escluso poiché intorno a noi pullulano di continuo delle forze, per lo più di infimo livello, che costituiscono una continua e seria minaccia al nostro percorso spirituale.
I desideri insani, le passioni e i vizi (cfr. QUI e QUI) sono da considerarsi delle eccellenti calamite per certi “abitanti” del mondo astrale in prossimità della Terra.
Costoro, non solo interferiscono spesso nella nostra vita, ma possono influenzare drammaticamente le scelte e spingere talvolta a compiere atti criminosi o tragici,come gli omicidi e i suicidi. Sono esattamente questi influssi che tradizionalmente vengono chiamati “tentazioni diaboliche”.
Lo dimostrano le frequenti testimonianze di molti che, indipendentemente dall’età o dallo stato di salute, dichiarano di udire delle “voci”… e non si pensi che tutto ciò appartenga a concezioni medievali o a mentalità ristrette, poiché sarebbe un grave errore sottovalutare e ignorare un simile dato di fatto.
L’unico modo per sfuggire ad esso è di innalzare il più possibile le nostre vibrazionipersonali verso la trascendenza, mettendo in espansione lo Spirito che alberga in noi e sottraendo così a chiunque ogni possibilità di suggestione, perché a ritmi più accelerati diventiamo irraggiungibili.
Esistono tre tipi di condizionamenti occulti: la circumsessione, l’ossessione e la possessione (cfr. QUI). La prima rientra nella più vasta casistica perché quasi tutta l’umanità non ha ancora eliminato certe sue debolezze o difetti spirituali e dunque è vulnerabile agli attacchi subdoli che provengono dall’oltre.
La seconda, l’ossessione, è il risultato di frequenti “idee fisse” che incancreniscono,mi si passi il termine, avendo abbandonato qualsiasi speranza o barlume di fede che possa rimuovere l’individuo dalla “buca” nella quale si è andato a cacciare.
Spesso questa dolorosa situazione porta all’esaurimento e al rifiuto di vivere; viene abbandonato il timone della vita e si respinge pure, paradossalmente, qualsiasi tipo di aiuto.
Ma è la terza, la possessione, quella molto difficile da combattere, perché per vincerla è necessaria la volontà del soggetto stesso il quale, però, si trova in balia di forze avverse, dominanti, che hanno trovato libero accesso alla sua personalità. (Per questo motivo talvolta è necessario ricorrere all’esorcismo!)
Dico “personalità” e non “Individualità”, perché l’una è la psiche, l’anima, ossia l’insieme di tutto quanto concerne il carattere, le emozioni e il modo di essere che si manifesta in base all’evoluzione acquisita (il termine persona significa maschera e quindi è un “abitus” mutevole); mentre l’altra è l’Essenza spirituale che per sua peculiarità è immutabile ed eterna.
Ma sebbene l’Individualità o Spirito sia inalterabile può, attraverso la personalità,essere fatta “prigioniera” in un corpo fisico, soggiacendo al potere di chi se ne impossessa, avendo costui o costoro trovato la “porta aperta” per i più svariati motivi, sovente anche karmici, come quelli dovuti a parecchie malattie degenerative.
Ecco perché le persone colpite da varie demenze, come quelle di Alzheimer o di Parkinson per fare un esempio, a volte “straparlano” dando l’impressione di essere in comunicazione con qualcuno nell’invisibile… ma naturalmente questo aspetto non viene mai preso in considerazione!
Quando l’organismo si deteriora, tanto da non rispondere più ai comandi dell’anima,diventa preda facile di qualsiasi Ente oscuro desideri “approvvigionarsi” di energiaeterica a buon mercato o indurre ad atti inconsulti l’individuo che ne è vittima, per danneggiare o vendicarsi di qualche parente o amico rientrante nella sfera familiare.
D’altra parte, le malattie provengono o da conseguenze dovute al karma (Legge di Causa ed Effetto) o all’uso scorretto del libero arbitrio non in linea con l’Armonia cosmica, ossia con l’Amore Universale che tutto regge e a cui tutto fa capo.
Infatti, i pensieri, le parole e le azioni, se non sono coordinati dallo Spirito e nello specifico dalla triade umana: “Pensiero – Ragione – Coscienza” (per approfondimenti QUI), sovente producono degli effetti deleteri, che passando dai vari corpi sottili (QUI e QUI), arrivano al corpo fisico sotto forma di energie condensate, causando le varie infermità.
È necessario tener presente inoltre che la paura e l’ignoranza sono delle cattive consigliere e che dobbiamo affrancarcene al più presto se non vogliamo alimentare ad oltranza proprio quelle forze di cui vogliamo liberarci.
Ma l’unico sistema valido è l’Amore incondizionato e non il contrasto caparbio che metterebbe noi sullo stesso loro piano lasciandoci sicuramente sconfitti.
Non dimentichiamo che queste Essenze sono degli Spiriti come noi e che, seppur nell’Oscurità, hanno ogni diritto di evolversi e di correggersi andando verso la Luce.
Facciamo dunque la nostra parte, consapevoli della Potenza divina della quale siamo dotati come Figli dell’Altissimo, effondendo su queste creature il meglio di noi stessi, perché l’Amore annienta e dissolve prodigiosamente tutti, ma davvero tutti i lati tenebrosi… e gelidi…
Tutti noi soffriamo di “affiancamento” da Entitàultima modifica: 2016-01-29T13:31:10+00:00da subbuteo63
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento