LA LUCE AVANZA! RENDENDO ANCOR PIÙ CIECHI I CIECHI.

La Luce avanza! Rendendo ancor più ciechi i ciechi.

Sebirblu e Pietro Ubaldi, 22 dicembre 2016
A ricordo del passato, una dolce Luce albeggia all’orizzonte del mondo fenomenico.Nel triste grembo della sua indifferenza, il pianeta si prepara ad accogliere, ancora una volta, la Ricorrenza Sacra che i più ormai rigettano, trattenendone soltanto il lato formale.
Il momento è solenne. L’Universo assiste alla genesi della Meraviglia suprema,maturata nel suo seno attraverso incommensurabili periodi di lenta preparazione, quasi conscio da quale sforzo titanico della Sostanza scaturisca nel suo punto culminante,  la  sintesi  massima:  la Via,  la Verità,  la Vita.
Viene alla luce il Raggio regale più mirabile e bello, in cui limpido traspare il concetto della Legge d’Amore e il pensiero dell’Altissimo.
Dio, sempre presente nel profondo delle cose, si mostra chiaramente, e la Sua strabiliante apparizione, nella fitta oscurità raggiunta dal genere umano, si avvicina alle Sue creature.
Il  cuore  e  la mente, sfioranti regioni sempre più alte, erompono  in un  inno  di  lode al Creatore; la voce si fonde nel canto immenso di tutto il Creato.
Di fronte al Mistero, nell’attimo supremo della Manifestazione, tutto diventa espansione  mistica,  l’arida  enunciazione  si  accende pervasa  dal  soffio  sublime.
Nel momento più buio della notte aleggia negli spazi un alito divino. Seguendo il cammino della Stella, la vibrazione-pensiero si illumina percorsa dall’Immenso… e si raccoglie in preghiera:
San Giuseppe col Bambino Gesù  ‒  di Guido Reni  (1575‒1642)
 
 
“Ti adoro, recondito Io dell’Universo, Anima del Tutto, Padre mio e Padre di tutte le cose, respiro mio e respiro di tutte le cose.
 
Ti adoro, indistruttibile Essenza, sempre presente, nello spazio, nel tempo ed oltre, nell’Infinito.
 
Padre, ti amo, anche quando il Tuo respiro è dolore perchè il Tuo dolore è Amore; anche quando la Tua Legge è fatica, perchè la fatica che la Tua Legge impone è la via delle ascenzioni umane.
 
Padre, mi immergo nella Tua Potenza, in essa mi riposo e mi abbandono, alla Sorgente io chiedo l’alimento che mi sostenga.
 
Ti cerco nel profondo ove Tu sei, donde mi attrai. Ti sento nell’Infinito ove non giungo e donde mi chiami.
 
Non Ti vedo, eppure mi accechi con la Tua luce; non Ti odo, eppure sento il suono della Tua voce; non so ove Tu sia, eppure Ti incontro ad ogni passo; Ti dimentico e Ti ignoro, eppure Ti ascolto in ogni mio palpito.
 
Non so individuarti eppure verso di Te gravito, come gravitano tutte le cose, verso di Te, centro dell’Universo.
 
Potenza invisibile che reggi i mondi e le vite, Tu sei nella Tua Essenza, al di sopra di ogni mia concezione.
 
Che sarai Tu mai, che io non so descrivere e definire, se il solo riflesso delle Tue opere mi acceca?
 
Che sarai Tu mai se già mi stupisce l’incommensurabile complessità di questa Tua emanazione, piccola scintilla spirituale che tutto mi anima?
 
L’uomo Ti insegue nella scienza, Ti invoca nel dolore, Ti benedice nella gioia. Ma nella grandezza della Tua potenza come nella bontà del Tuo Amore Tu sei sempre oltre, oltre tutto il pensiero umano, al di sopra delle forme e del divenire, un lampo nell’Infinito.
 
Nel muggito della tempesta è Dio, nella carezza dell’umile è Dio; nell’evoluzione del turbine atomico, nel lancio delle forme dinamiche, nel trionfo della vita e dello Spirito è Dio.
 
Nella gioia e nel dolore, nella vita e nella morte, nel bene e nel male è Dio; un Dio senza confini, che tutto comprende e stringe e domina, anche le apparenze dei contrari, i quali guida ai suoi fini supremi.
 
E l’Essere sale, di forma in forma, anelante di conoscerTi, ansioso di una sempre più completa realizzazione del Tuo pensiero, traduzione in atto della Tua Essenza.
 
Io Ti adoro, supremo Principio del Tutto, nella Tua veste di materia, nella Tua manifestazione di energia; nel perenne rinnovellarsi di forme sempre nuove e sempre belle, io adoro Te, Concetto, sempre nuovo e buono e bello, inesauribile Legge animatrice dell’Universo.
 
Ti adoro, gran Tutto, sconfinante oltre tutti i limiti del mio Essere.
 
In questa adorazione mi anniento e mi alimento, mi umilio e mi accendo, nella grande Unità mi fondo, e nella grande Legge mi coordino, perchè la mia azione sia sempre armonia, ascensione, preghiera, amore.”
Così pregate, nel silenzio delle cose, guardando soprattutto verso il profondo che si trova dentro di voi.
 
Pregate con animo puro, con slancio intenso, con fede potente, e la radiazione animica, armonicamente sintonizzata con la grande vibrazione, conquisterà gli spazi.
 
E una voce udrete, di conforto, raggiungervi dall’Infinito.
 
Pietro Ubaldi (QUI)
Post Scriptum di Sebirblu
Auguro a tutti voi, gentili Lettori, un sereno S. Natale ed un migliore anno nuovo, ringraziandovi della squisita attenzione che prestate al mio blog, onorando così il mio lavoro.
Relazione, adattamento e cura di: Sebirblu.blogspot.it
Fonte: “La Grande Sintesi” di Pietro Ubaldi ‒ Ed. Mediterranee
LA LUCE AVANZA! RENDENDO ANCOR PIÙ CIECHI I CIECHI.ultima modifica: 2017-01-03T19:41:12+00:00da subbuteo63
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento