Percezione extrasensoriale

ESP (Extra-sensory perception) o percezione extrasensoriale è definita come qualsiasi ipotetica percezione che non possa essere attribuita ai cinque sensi (il famoso sesto senso). Questo termine intende dire che esistono canali di informazione estranei e sconosciuti alla scienza. Tra le varie ESP ricordiamo la capacità di prevedere il futuro (precognizione), la capacità di percepire visivamente cose non visibili naturalmente (chiaroveggenza) e la capacità di comunicare con il pensiero (telepatia).

Il campo di studio delle percezioni extrasensoriali (e di altre presunte manifestazioni paranormali come la psicocinesi) è chiamato parapsicologia. La persona che si ritiene possieda tali facoltà è detta esper o sensitivo (anche paragnosta, soprattutto se collegato alla retrocognizionemedium se invece afferma di comunicare con entità spirituali, quali ad esempio i defunti). Il termine anglosassone esper, in particolare, pare essere stato coniato dallo scrittore di fantascienza Alfred Bester nel suo racconto Oddy and Id del 1950.

Il dibattito sull’esistenza o meno delle percezioni extrasensoriali è molto acceso. Da un lato i sostenitori dell’esistenza di questi fenomeni portano a sostegno delle loro tesi alcune ricerche, dall’altro vengono sollevati dubbi significativi sulla validità metodologica di questi studi.

Più in particolare se da un lato i parapsicologi affermano che taluni esperimenti come gli esperimenti ganzfeld mostrerebbero prove dell’esistenza delle percezioni extrasensoriali, dall’altro la comunità scientifica contesta questi esperimenti gravemente carenti di rigoroso metodo scientifico oltre che di solida base teorica.

Il termine ESP o Percezione Straordinaria Extra-Sensoriale (qualche volta chiamata “Psi”) è di solito usato per indicare le seguenti quattro categorie di fenomeni:

  1. Telepatia. Indica la consapevolezza che una persona può avere dei pensieri di un’altra, senza che avvenga alcuna comunicazione attraverso i normali canali sensoriali. Ci sono delle persone (“sensitive” o “medium”) che possono ricevere i pensieri di altri, e trasmettere a loro volta i loro propri pensieri. Questa comunicazione diretta, da mente a mente, sembra che spesso sia istantanea e indipendente dalla distanza.
  2. Chiaroveggenza. Si riferisce alla conoscenza acquisita di un oggetto o di un evento senza l’uso dei cinque sensi tradizionali.
  3. Precognizione. Indica la conoscenza che si può avere dei pensieri o degli eventi futuri, propri o di un’altra persona. Ci sono degli individui che possiedono questa abilità in modo notevole, e questo spiega molti eventi curiosi della vita quotidiana, come certi sogni che risultano evidentemente premonitori.
  4. Psicocinesi o PK. Questa è la capacità di influenzare un oggetto fisico o un evento, usando i poteri della mente. Alcuni ricercatori considerano la Psicocinesi una parte della Psi, ma non come una Percezione Extrasensoriale in senso stretto.

Molti esperimenti scientifici, condotti presso autorevoli Istituti di ricerca, hanno dimostrato l’esistenza della ESP. Gli scienziati russi stanno lavorando seriamente in questo campo di ricerca.

ESP – IL NOSTRO SESTO SENSO

La percezione extrasensoriale, detta anche “ESP”, è uno dei campi più ampi di indagine, se non il più grande, che uno scienziato possa intraprendere. Rientra nella nuova scienza della parapsicologia che, con le sue grandi possibilità di ricerca nei misteri della mente dell’uomo, sta avendo un notevole successo nel mondo scientifico. Oggi molti grandi Istituti di parapsicologia presentano un tributo ai pionieri della ricerca medianica ed occulta.

La maggior parte dei precedenti ricercatori non è stato di estrazione accademica, come di solito la si intende; li chiamerei piuttosto uomini saggi che, a dispetto del ridicolo suscitato all’inizio, hanno continuato a credere nelle possibilità invisibili e sconosciute che stanno oltre il senso del gusto, dell’odorato, dell’udito, della vista e del tatto (…).

NASCOSTA NELLA SOFFITTA DELLA MENTE….

Nascosta nella soffitta della mente di migliaia e migliaia di persone si trova qualche esperienza personale psichica e occulta. Di solito si tratta di esperienze che vengono tenute nascoste per paura che gli altri, nella loro ignoranza, le coprano di ridicolo. Di fatto, chi ride di questi fenomeni, spesso sta nascondendo qualche cosa – forse si tratta della semplice paura di ciò che si può definire come ignoto e invisibile.

Come molti psicologi e dopo vent’anni contrastati di ricerche nel campo della ESP, si è convinti oltre ogni dubbio che tutti gli esseri umani abbiano dei poteri extrasensoriali e una capacità di percezione paranormale. Vorrei precisare che, nella maggior parte delle persone, queste forze naturali giacciono assopite (…).

Rosalind Heywood, scrisse nel libro The Sixth Sense (Il Sesto Senso): “È un istinto naturale che porta a rivoltarsi contro l’ignoto, in modo particolare contro un ignoto che in passato è stato etichettato come anormale, soprannaturale, misterioso e, nel tempo, è stato associato con la frode e la superstizione. Ma una banconota non perde di valore perché ne circolano di false”.

È un fatto che oggi, per quanto riguarda l’esistenza della percezione extrasensoriale di eventi remoti, sia nello spazio che nel tempo, esistono testimonianze molto più pregnanti di quelle per cui molti fatti storici sono accettati.

Va anche ricordato che, per quanto riguarda le materie di studio meno controverse, deve solitamente trascorrere un lasso di tempo tra il momento in cui viene scoperto qualcosa, che va contro le convinzioni correnti, e la loro accettazione generale. E possiamo dire che vi sono dei segnali indicanti che la disposizione mentale sta lentamente cominciando a cambiare nei confronti della ricerca paranormale”.

PARAPSICOLOGIA, SCIENZA DEL FUTURO?

Oggi gli scienziati più materialistici e ortodossi, soprattutto in America, chiamano “scienza orfana” la parapsicologia. In realtà è invece una scienza del futuro. Brevemente si può dire che i parapsicologi indagano un mondo che si trova oltre i cinque sensi normalmente conosciuti e supera le possibilità conoscitive delle scienze naturali.

È infatti un mondo davvero molto strano, dove l’effetto spesso precede la causa, dove la mente può influenzare la materia; dove gli individui possono comunicare anche a grandi distanze, senza qualsiasi strumento concreto di natura fisica o umana. In Russia, nella Science City, viene oggi data una priorità alla ricerca che riguarda i poteri delle mente sulla materia, come accade nella Psicocinesi, in cui gli oggetti vengono spostati mediante i poteri mentali.

Eric J.Dingwell e John Langdon Davies, nel loro libro “The Unknown” (Il Non Conosciuto), scrivono che le prove da loro raccolte indicano che tutti possiedono delle facoltà ESP, ma che nella maggior parte delle persone sono state completamente represse in favore della percezione ordinaria dei cinque sensi.

Anche Sigmund Freud, il padre di quella che i più chiamano “psichiatria medica moderna”, era convinto che l’uomo avesse messo sotto chiave, nella sua mente, il potere della telepatia e della chiaroveggenza

 

http://djeguito.altervista.org/

Percezione extrasensorialeultima modifica: 2014-07-27T15:28:52+00:00da subbuteo63
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento