Hy Brazil: L’isola degli Dei



Hy Brazil o Brazil o Brasil è il nome di un’isola leggendaria che si pensava esistesse nell’Oceano Atlantico. Plinio il vecchio la chiamò insulae purpuraricae e per secoli si ritenne la sua esistenza certa tanto che i geografi la disegnarono sulle loro carte fino al 1853.

Generalmente si ritenne che Hy Brazil si trovasse nel mezzo dell’oceano, a centinaia di miglia a ovest dell’Irlanda, anche se non mancò chi ne segnò la posizione a poca distanza dalle Azzorre. Nei miti irlandesi si narra fosse avvolta perennemente nella nebbia, tranne un giorno ogni sette anni.

L’etimologia di Hy-Brasil sono sconosciute, ma nella tradizione irlandese, si pensa provenga dal Breasail Uí, “discendenti (clan) di Breasal”, uno dei più antichi clan del nord-est dell’Irlanda. Carte nautiche identificano un’isola chiamata “Bracile”, al largo dell’Irlanda occidentale, nel lontano 1325, in una mappa di Angelino Dulcert. In seguito appare come Insula de Brasil nella mappa veneziana di Andrea Bianco (1436), come una delle isole più grandi di un arcipelago dell’Atlantico.

Risultati immagini per Hy Brazil: L’isola degli Dei

Questa è stata identificata per un certo periodo con la moderna isola di Terceira nelle Azzorre. Una mappa catalana del 1480 identifica due isole “Illa de Brasil”, una a sud ovest dell’Irlanda e una a sud della “Illa verde” o Groenlandia. Nelle mappe l’isola era indicata come circolare, spesso con un canale centrale o un fiume in direzione est-ovest che attraversava il suo diametro.

Nonostante i vari tentativi falliti di ritrovare la misteriosa isola, questa è apparsa regolarmente sulle mappe fino al 1865, anno in cui è stata chiamata Brasil Rock. Si ritiene che la scoperta dell’isola fosse ad opera di Giovanni Caboto in una spedizione partita da Bristol nel 1480. Nonostante la somiglianza nel nome, la nazione sudamericana non ha alcuna relazione con le mitiche isole.

Nel 1674 il capitano John Nisbet affermò di aver addirittura visitato l’isola in un viaggio dalla Francia all’Irlanda. Egli dichiarò che l’isola era abitata da grandi conigli neri e un mago che viveva da solo in un castello di pietra. Tornò con oro e argento sostenendo che gli fu donato dagli abitanti. Come risultato, una seconda spedizione all’isola fu capitanata da Alexander Johnson, che confermò al suo ritorno le incredibili storie di Nisbet. Hy-Brasil è stata anche identificata con Porcupine Bank, una secca nell’Oceano Atlantico a circa 200 chilometri ad ovest dell’Irlanda scoperta nel 1862.

L’ultimo avvistamento documentato di Hy-Brasil è datato 1872 da Robert O’Flaherty e TJ Westropp. Westropp visitò l’isola in tre occasioni e ne fu così affascinato da aver portato con se la sua famiglia. Sebbene Hy-Brasil appaia in molte mappe antiche, non se ne trova traccia nelle carte moderne. Hy-Brasil è semplicemente scomparsa senza lasciare traccia. Si racconta fosse la sede di una civiltà altamente avanzata guidata da un enclave di sommi sacerdoti. Si raccontano storie di tecnologie avanzate e che le torri della città e le strade fossero  ricoperte d’oro. I sacerdoti avevano una conoscenza universale e i cittadini di Hy-Brasil erano intelligenti e ricchi oltre ogni immaginazione.

Molti ricercatori ritengono che Hy-Brasil e Atlantide siano lo stesso luogo.

https://www.youtube.com/watch?v=KFAmg1XxPZg

Nel 1980 il sergente Jim Penniston era di stanza presso la base militare Brentwaters. Ci fu un incidente UFO nella zona di Rendlesham Forest ed egli afferma di aver toccato uno di questi velivoli e telepaticamente ricevuto un messaggio in forma di codice binario, che ha scritto in una nota subito dopo l’incidente, dicendo nulla di ciò che era successo per tre decenni. Il programmatore Nick Ciske, assunto da History Channel ha decifrato il codice scoprendo che conteneva le coordinate di navigazione di una zona al largo dell’Irlanda occidentale. Le coordinate sono le stesse che i cartografi antichi usarono per l’isola di Hy-Brasil.

http://portalemisteri.altervista.org/blog/hy-brazil-lisola-degli-dei/

Hy Brazil: L’isola degli Deiultima modifica: 2018-01-19T13:17:53+01:00da subbuteo63
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento