Risveglio: l’ultima incarnazione

Negli ultimi anni si è scritto moltissimo sul tema Anima e reincarnazione. Un modo per spiegare il processo di ricorrenza esistenziale e come le nostre vite individuali si increspano attraverso l’eternità.

Quindi, se non siamo la stessa persona che si reincarna più e più volte – perché molti di noi hanno ricordi di quelle che chiamiamo: “Vite passate”?

La psicologia junghiana ha fatto un ottimo lavoro nell’esplorare l’esistenza dell’inconscio collettivo – un concetto secondo cui Jung credeva che i ricordi individuali arrivassero anche dalle nostre vite passate:

“Oltre alla nostra coscienza immediata, che è di natura completamente personale e che riteniamo essere l’unica psiche empirica (anche se si affronta l’inconscio personale come un’appendice), esiste un secondo sistema psichico di un collettivo, universale e natura impersonale che è identica in tutti gli individui. Questo inconscio collettivo non si sviluppa individualmente ma è ereditato. Consiste in forme preesistenti gli archetipi, che possono solo diventare consci secondariamente e che danno forma definita a certi contenuti psichici.”

Freud si riferiva a questi resti karmici come “resti arcaici”, o frammenti mentali la cui presenza non può essere spiegata da nulla nella vita dell’individuo, ma piuttosto sembravano avere forme primordiali, innate e ereditate della mente umana. Il nonno della psicologia William James ha anche condiviso la sua prospettiva affermando:“Poiché il nostro essere spirituale è amplificato qui sulla terra e man mano che cresciamo in età ed esperienza, diventiamo più consapevoli di un mondo più vasto intorno a noi, e quando moriamo è solo per entrare in una maggiore capacità.”

Essenzialmente, l’Inconscio Collettivo è formato da una riserva di ricordi che alcuni individui, attraverso la purificazione della consapevolezza o l’evoluzione della loro età dell’anima, hanno sfruttato per essere in grado di ricordare gli eventi della vita di una persona centinaia, e talvolta migliaia, di anni fa.

I ricordi del passato ci servono nei nostri viaggi di esplorazione del sé come modi per imparare e continuare a crescere.

L’idea è che man mano che si cresce nella maturità dell’anima, le anime che hanno preso abbastanza Energia dalle loro vite, saranno in grado di ricordare gli schemi di comportamento sciocchi e distruttivi ripetuti in passato per correggere, imparare e andare avanti. Per esempio: in una vita passata avremmo potuto essere poveri e passare tutta la nostra esistenza a cercare denaro, ma una volta raggiunta la ricchezza, ci saremmo resi conto di quanto il nostro inseguimento ci lasciasse e quanto fosse inutile tutto ciò. Il ricordo può impedirci di fare lo stesso errore nella nostra vita presente, e questo è esattamente ciò che illustra la ruota della vita buddhista.

Finché continuiamo a morire senza sentirci soddisfatti e grati per questa vita, finché continuiamo a morire portando con noi desideri ed aspettative superficiali che creano sofferenza per noi stessi e per gli altri, e infine, finché continuiamo ad identificarci con i nostri falsi sensi del “sé” – continueremo a tornare in questo mondo fino a raggiungere la completa realizzazione.

La reincarnazione è un processo necessario per affinare la nostra anima, per liberarci dall’insoddisfazione e per aiutarci a placare la nostra sete spirituale.

Perché molti di noi hanno il desiderio di: “Tornare a casa?”
È durante il processo della nostra evoluzione dell’anima che maturiamo e cominciamo a sentirci alieni e isolati in questo mondo. All’improvviso, tutto sembra piatto, sterile e arido, e lottiamo intensamente per connetterci  attraverso i rapporti con le altre persone. Questo è quando sviluppiamo il profondo desiderio di ritornare alla nostra “Vera casa” – alla nostra divinità o grembo cosciente – il luogo in cui sentiamo di appartenere e dove finalmente siamo di nuovo interi.

All’inizio può sembrare una terribile esperienza attraversare le prove di questa vita, che viene spesso definita ‘Dark Night Of The Soul’. Ma quando iniziamo a ‘crescere’ spiritualmente, cominciamo a comprendere che il risveglio non è quello di avere esperienze beate, ma di servire una causa molto più alta e profonda: la crescita collettiva della razza umana. Questo è una cosa di cui noi, come individui, non possiamo mai separarci.

L’ultima reincarnazione è quella in cui ci risvegliamo, dove ci uniamo agli opposti, dove trascendiamo la separazione e la dualità e diventiamo interi così da diventare veramente responsabili.

L’Anima Risvegliata è il passo finale – la progressione dell’Antica Anima che ha subito un immenso lavoro spirituale. È impossibile risvegliarci completamente tutto in una volta – dobbiamo prima iniziare a svegliarci per brevi momenti.

Il risveglio è possibile solo per coloro che lo cercano e lo vogliono – per coloro che sono pronti a lottare con se stessi, lavorare su se stessi e sviluppare la loro autenticità con un tempo anche molto lungo per raggiungerla. La maggior parte delle persone dirà che è spirituale, che medita o che pratica lo yoga di tanto in tanto, ma come dice il Buddha:

“Devi volerti liberare da dukkha (sofferenza) come se i tuoi capelli fossero in fiamme!”

La maggior parte delle epoche dell’anima non avrà un desiderio così forte e non sarà pronta a morire per trovare la verità.
E questo è ciò che un’Anima Risvegliata è: la sua falsa identità è morta (questo è il concetto buddista di “essere nel mondo, ma non di esso”), ha aperto l’ultima porta, ha visto attraverso la falsità del mondo gli è stata rivelata un’unità che comprende tutti gli esseri e trascende tutti i confini. I mistici di ogni sistema religioso in ogni cultura e in ogni epoca hanno riferito che questa è la verità più alta. Gesù, un’altra Anima Risvegliata, insegnerebbe questo come: “Beati sono i poveri in spirito”, un vuoto che risulta dall’essere liberato da tutti gli ingombri e le vincite del proprio passato.

Ultima incarnazione

Infatti, proprio come l’inconscio lavora su scala collettiva, così anche il “risveglio” avviene in ondate di consapevolezza collettiva. Alcune anime risvegliate contemporanee potevano essere trovate in India come Gautama Buddha, Mahavira, Makkhali Gosala, Ajita Kesakambali – Essi diffondevano a tutti lo stesso messaggio, mentre in Cina c’erano Confucio, Lao Tzu, Mencius, Chuang Tzu, Lieh Tzu e in Grecia Socrate, Platone, Aristotele, Eraclito e Pitagora. Una delle affermazioni più confortanti mai dette da Socrate fu:

“Nessun male può accadere a un uomo buono in questa vita o nella prossima”.

Fonte: bestnthebooks

Tratto da: anahera e 

Risveglio: l’ultima incarnazioneultima modifica: 2018-08-07T21:17:45+02:00da subbuteo63
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento