I fisici dichiarano di aver escogitato un modello matematico per una macchina del tempo funzionante

La soluzione al lungo problema è, secondo loro, la curvatura dello spazio-tempodell’Universo. Ciò consentirebbe di raddoppiare il tempo in un cerchio in modo che gli ipotetici occupanti della macchina possano saltare nel futuro passando attraverso quel cerchio.

Va notato che questa nuova scoperta afferma che è possibile viaggiare sia verso il passato che verso il futuro, a differenza di alcuni scienziati che hanno sostenuto che non sarebbe possibile viaggiare nel passato. Ben Tippett , fisico e matematico teorico presso l’ Università della British Columbia in Canadaha dichiarato:

La gente pensa che il viaggio nel tempo sia qualcosa come la finzione. E tendiamo a pensare che non è possibile perché non lo facciamo davvero. Ma, matematicamente, è possibile.

In squadra con David Tsang, un astrofisico presso l’ Università del Maryland, Tippett ha utilizzato la teoria della relatività generale di Einstein per creare un modello matematico di quello che chiamano un Traversable Acausal Retrograde Domain in Space-time (TARDIS).

Time Machine: la nuova idea

Il modello si basa sull’idea che, invece di guardare l’universo in tre dimensioni spaziali, con la quarta dimensione (tempo) separata, dovremmo immaginare queste quattro dimensioni simultaneamente. Questo ci permette di considerare la possibilità di un continuum spazio-temporale, in cui le diverse direzioni nello spazio e nel tempo sono tutte collegate all’interno del tessuto curvo dell’Universo.

La direzione temporale della superficie spazio-temporale mostra anche la curvatura. Ci sono prove che dimostrano che quanto più si avvicina un buco nero, tanto più lento è il tempo. ” Il mio modello di una macchina del tempo usa lo spazio-tempo curvo per raddoppiare il tempo in un cerchio per i passeggeri, non in linea retta. Quel cerchio ci riporta indietro nel tempo.

La teoria della relatività di Einstein mette in relazione gli effetti gravitazionali dell’Universo con una curvatura dello spazio-tempo, il fenomeno che si ritiene si trovi dietro le orbite ellittiche di pianeti e stelle. Se lo spazio-tempo fosse “piatto” o non curvo, i pianeti si sposterebbero in linea retta. Ma secondo la relatività, è la geometria delle curve spazio-temporali attorno agli oggetti di grande massa, che spinge i pianeti a girare intorno alla loro stella. Tippett e Tsang sostengono che non solo lo spazio fisico può piegarsi e torcersi nell’Universo, ma il tempo stesso può anche curvarsi in prossimità di oggetti di grande massa.

Per approfittare di questa proprietà teorica, i fisici propongono di creare una sorta di “bolla” spazio-temporale, che trasporta ciò che è al suo interno attraverso lo spazio e il tempo lungo una grande traiettoria circolare. Se questa bolla può raggiungere velocità superiori alla velocità della luce, qualcosa che i fisici dichiarano matematicamente possibile, questo gli permetterebbe di tornare indietro nel tempo.

Gli autori hanno spiegato nel loro studio:

È una scatola che viaggia ‘avanti‘ e poi ‘indietro‘ nel tempo lungo un percorso circolare attraverso lo spazio-tempo. Gli osservatori esterni incantati potevano vedere il tempo in cui i viaggiatori all’interno della scatola evolvono nel tempo.

Nell’immagine che segue  è possibile vedere una spiegazione dell’idea della macchina del tempo. Un passeggero all’interno della macchina (persona A) e un osservatore esterno sul lato (persona B).

I fisici dichiarano di aver escogitato un modello matematico per una macchina del tempo funzionante

I fisici dichiarano di aver escogitato un modello matematico per una macchina del tempo funzionante

All’interno della bolla, A vedrà che gli eventi di B si evolvono periodicamente e quindi si invertono. Fuori dalla bolla, l’osservatore B vedrà due versioni di A emergere dalla stessa posizione: le lancette dell’orologio gireranno in senso orario e l’altra in senso antiorario

La freccia del tempo, che in circostanze normali (almeno nel nostro Universo) punta sempre in avanti facendo diventare il presente  passato, è rappresentata da frecce nere Sia la Persona A che la Persona B vivranno il tempo in modi radicalmente diversi. In altre parole, l’osservatore esterno vedrebbe due versioni degli oggetti all’interno della macchina del tempo: una versione che evolve in avanti nel tempo e l’altra indietro. Sebbene la matematica funzioni, gli scienziati dicono che il problema è che non abbiamo i materiali giusti per costruire ciò che stanno proponendo.

Tippett dichiara:

Sebbene sia matematicamente fattibile, non è ancora possibile costruire una macchina spazio-temporale perché abbiamo bisogno di materiali – che chiamiamo materia esotica – per piegare lo spazio-tempo di queste forme impossibili, ma non sono ancora stati scoperti.

La sua idea richiama un’altra macchina del tempo teorica: l’azionamento di Alcubierre, che userebbe un guscio di materia esotica per trasportare passeggeri nel tempo e nello spazio (ipoteticamente). Tuttavia, entrambe le idee non possono andare molto lontano senza un’idea concreta su come effettivamente produrre questi materiali per raddoppiare spazio e tempo.

La ricerca è stata pubblicata nell’anno 2017 nella rivista Classical and Quantum Gravity. Articolo originariamente scritto da codigooculto.com

Tratto da: nuovouniverso e 

I fisici dichiarano di aver escogitato un modello matematico per una macchina del tempo funzionanteultima modifica: 2018-09-12T21:09:34+02:00da subbuteo63
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento