Cosa è successo nell’Eden? La traduzione alternativa racconta una storia molto diversa

Tutti i concetti moderni del Giardino dell’Eden derivano da alcuni versi del libro biblico della Genesi, nessuno dei quali è completamente privo di ambiguità. Gli antichi documenti ebraici, dai quali fu compilata la prima parte del Libro, contenevano una scrittura semplice e basilare con pochissime vocali. L’assenza di vocali conduce a questa ambiguità; ed è per questo che, anche oggi,ad esempio, dopo millenni di studi, nessuno sa com’ è stato pronunciato il nome di Dio. Di conseguenza,ci sono varie  interpretazioni di YHWH (Yod He Vov He) tra i suoni di Yahweh e quelli di Jehovah – e queste sono solo due delle possibilità.

Tutti i concetti moderni del Giardino dell'Eden derivano da alcuni versetti del libro biblico della Genesi

Tutti i concetti moderni del Giardino dell’Eden derivano da alcuni versetti del libro biblico della Genesi (immagine di pubblico dominio)

Il problema con la paronomasia

Un’altra fonte di ambiguità risiede nel fatto che le prime lingue del Medio Oriente si appoggiavano pesantemente sulla paronomasia per dare varietà a frasi semplici – una forma che permetteva di attribuire diversi significati a una singola serie di simboli. Nel linguaggio, è probabile che lievi inflessioni di tono portassero a differenziare i significati, ma nella parola scritta non esiste tale indicazione per aiutarci; e gli studenti moderni della Bibbia, come i loro predecessori, devono indovinare il significato di molte parole dal punto di vista delle loro nozioni preconcette del contesto.

In tutte e tre le lingue di base del Medio Oriente antico – ebraico, sumerico e babilonese – uno studioso con un pregiudizio secolare produrrebbe una traduzione diversa dello stesso testo da quella prodotta da uno studioso con un pregiudizio religioso. Questo può essere facilmente illustrato.

La quintessenza dei primi cinque capitoli del Libro della Genesi può essere riassunta in quattro citazioni ben note:

GEN 1: 1 “All’inizio Dio creò i cieli e la terra”.

1: 26 ‘Dio disse: “Facciamo l’uomo a nostra immagine, nella somiglianza di noi stessi. . “.

2: 8 “Dio ha piantato un giardino nell’Eden che è nell’est …”

5: 24 ‘Enoch camminava con Dio. Poi è svanito perché Dio l’ha preso. ‘

Queste quattro citazioni ampiamente utilizzate sono tratte dalla Bibbia di Gerusalemme, pubblicata per la prima volta nel 1966 da traduzioni profondamente studiate e modernizzate dalla Scuola biblica domenicana di Gerusalemme. Consideriamo questo magnifico lavoro il più autorevole e accademico di tutte le traduzioni moderne. . . e tuttavia queste semplici frasi, che contengono i fondamenti dell’attuale insegnamento ebraico e cristiano, sono costellate da trappole di cui il membro della Chiesa medio non sa nulla. Consideriamo tre dubbi.

Bartolomeu Rubio, Il Signore che rimprovera Adamo ed Eva, ca. 1362

Bartolomeu Rubio, Il Signore che rimprovera Adamo ed Eva, ca. 1362 ( Sharon Mollerus / flickr )

Dio o Dei?

Nei primi tre versi, il termine inglese “Dio” è tratto dal termine ebraico  elohim ; mentre, nel quarto, questo termine è esteso a ha elohim , in cui ha è l’equivalente ebraico di “il”. Il problema, qui, sta nel fatto che elohim è la forma plurale di el . E, se el originariamente significava “dio”, allora elohim dovrebbe significare “dei”; e ha elohim dovrebbe significare ‘gli dei’.

Questa pluralità è enfatizzata nella nostra seconda citazione in cui l’inglese singolare e plurale sono stranamente mescolati. ‘Dio disse: “Facciamo l’uomo a nostra immagine, nella somiglianza di noi stessi. . . “‘. La Bibbia di Gerusalemme tenta di districarsi da una situazione molto difficile aggiungendo una nota in calce:

È possibile che questa forma plurale implichi una discussione tra Dio e la sua corte celeste (gli angeli). . . In alternativa, il plurale esprime la maestà e la pienezza dell’essere di Dio: il nome comune di Dio in ebraico è Elohim, una forma plurale. Quindi la via è preparata per l’interpretazione dei Padri che hanno visto in questo testo un accenno alla Trinità.

Molti Dei, o Dio e la sua corte celeste? 'Angel of the Revelation' di William Blake

Molti Dei, o Dio e la sua corte celeste? ‘Angel of the Revelation’ di William Blake ( dominio pubblico )

Con tutto il rispetto per i redattori della Bibbia di Gerusalemme, troviamo questa affermazione come uno dei ragionamenti più  eclettici  che abbiamo mai incontrato. In sostanza, ciò che questi redattori dicono è: “Il nome comune di Dio in ebraico è ELOHIM – una forma plurale”.

Al contrario, ciò che intendono veramente è: “Il nome comune di ELOHIM in inglese è Dio – una forma singolare.”

Molto probabilmente l’ebraico è corretto e l’inglese è sbagliato, così si  sospetta possa essere in questo caso. In una situazione come questa, non sarebbe irragionevole scegliere l’originale ebraico come la soluzione più probabile piuttosto che la traduzione successiva.

È vero che altrove in questo capitolo della Genesi i pronomi che si riferiscono alla Divinità sono singolari, ma questo non è insolito nelle prime lingue del Medio Oriente dove il plurale è spesso implicito. Ma quasi sempre, e ci sono oltre trenta casi, il nome è al plurale – Elohim . Le strane eccezioni sono nei punti in cui è stato necessario riferirsi a specifiche entità singolari come El Shaddai, El Roi o El Elyon.

I brillanti

Nei primi capitoli definitivi della Genesi,nella loro forma biblica, qualcosa è chiaramente sbagliato.

Il singolare – EL – è una parola molto antica con una lunga storia etimologica; e ha un’origine comune con molte altre parole antiche in altre lingue – tutte con un significato  comune.

L’EL Sumero significava “luminosità” o “splendente”;

l’ILU accadico significava “il brillante”;

l’ELLU babilonese significava “il fulgido”;

il vecchio gallese ELLYL significava “un essere splendente”;

l’antico irlandese AILLIL significava “splendente”;

l’ELF inglese significa ‘essere splendente’ – dall’AEL anglosassone;

nel vecchio Cornish EL significava “un angelo”.

Tutti questi termini indicano Brillante o luminoso; e, di conseguenza, è la nostra tesi che l’EL ebraico debba essere tradotto, in primo luogo, non come “Dio, ma come LO SPLENDIDO. E il plurale ELOHIM , una contrazione di HA ELOHIM , responsabile di tanta attività nella prima parte della Genesi, richiede la traduzione come “Shining Ones”cioè “I più splendenti”.

Se applichiamo questa traduzione, le quattro citazioni quintessenziali diventano:

‘In principio, i brillanti hanno creato i cieli e la terra’.
I brillanti dissero: “Facciamo l’uomo a nostra immagine, nella somiglianza di noi stessi. . . “”
Yahweh (il capo di) i brillanti piantarono un giardino nell’Eden che è nell’est … ”
” Enoch camminava con i brillanti. Poi è scomparso perché gli Shining  Ones lo hanno portato via. “

L’Antico Testamento non ci dice specificamente chi, o cosa, fossero questi Shining Ones. Ma, fortunatamente, gli antichi documenti sumerici lo fanno, e anche certi documenti ebraici alternativi che non sono ben compresi dagli studiosi della Bibbia.

Chi erano i brillanti? "I pastori e l'angelo" (1879) di Carl Bloch.

Chi erano i brillanti? “I pastori e l’angelo” (1879) di Carl Bloch. ( dominio pubblico )

Cieli o altopiani?

Un’altra trappola che dobbiamo menzionare qui, si trova nella parola ebraica che era stata tradotta come “i cieli”. Questa era ha hahem , una forma plurale che indicava “i cieli”. Come il  termine sumero una , che potrebbe essere utilizzato per i ‘cieli’, o per ‘luoghi alti, l’ ebraico shem potrebbe anche significare  ‘altezze’. E SHM era anche la radice di una parola che significa “pianta” o “vegetazione”. Nel contesto del Giardino dell’Eden, e le descrizioni di ciò che seguirà, crediamo che ha’shemim significasse originariamente “le ” Highlands” cioè “i paesi montagnosi”,quindi,”altopiani”.

Allo stesso modo, ha’ares che la Bibbia di Gerusalemme traduce come ‘la terra, può essere tradotto come’ la terra ‘. In confronto con ha’shemim , crediamo che avrebbe dovuto significare “le Lowlands”.

Guardare con piacere

Il problema più importante in queste traduzioni, tuttavia, dopo la delucidazione di elohim , risiede nella parola ebraica bara che viene tradotta come “creata”; e non ci sarebbe alcun motivo per contestare questo se non fosse per il Sumero parallelo, e le versioni ebraiche alternative.

Il termine bara è usato solo per “creato” nel senso di una creazione di Dio. Altrimenti, può significare cose come “tagliare legname”, “terreno pulito” o “ingrassare”. E se elohim non significa ‘Dio’, ma ‘i brillanti’, dovremmo guardare ai significati alternativi. La frase nella prima citazione avrebbe potuto significare: “gli Shining Ones  guardano il terreno (o legname abbattuto) nelle Highlands e nelle Lowlands”. . . perché, secondo il resoconto sumerico, è esattamente quello che hanno fatto. Ma c’è un’altra alternativa interessante.

In ebraico, la lettera “B” all’inizio di una parola è spesso proclitica – cioè, sembra essere una parte integrale della parola, ma in realtà è una forma di prefisso modificante; la parola effettiva inizia alla lettera immediatamente dopo l’iniziale “B”. Nel suo potere di modificare, può indicare il piacere nei verbi della percezione o del vedere – e RA è la radice della parola ebraica  che significa ” vedere”.

Di conseguenza, sarebbe perfettamente giustificato, nelle circostanze, trascrivere , non come bara , ma come e ra ‘ a. Quest’ultimo significherebbe “guardato con piacere”. Tale interpretazione altererebbe la prima citazione in: “All’inizio, gli Shining Ones guardavano [giù] con piacere sulle Highlands e le Lowlands”.

Se si crede all’account sumero, questo è esattamente ciò che avrebbero fatto questi brillanti, poiché sono stati descritti come se fossero discesi sulla cima di una montagna di alto livello – da dove avrebbero potuto vedere la terra in cui alla fine dovevano stabilirsi.

Immagine in alto: Adamo ed Eva nel giardino dell’Eden di Wenzel Peter, Museo del Vaticano ( foto di faungg / flickr )

Questo articolo è un estratto del capitolo “Eastward in Eden” nel libro ” Il genio di pochi: la storia di coloro che fondarono il giardino nell’Eden” di Christian O’Brien e Barbara Joy O’Brien.

Per saperne di più o per acquistare il libro, visitare  www.goldenageproject.org.uk

Di Christian O’Brien e Barbara Joy O’Brien

Fonte: www.ancient-origins.net  http://www.pianetablunews.it/

Cosa è successo nell’Eden? La traduzione alternativa racconta una storia molto diversaultima modifica: 2018-02-21T15:51:45+01:00da subbuteo63
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento